Pausa Cafè | La Conoscenza Illusoria
328
post-template-default,single,single-post,postid-328,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-17.0,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

La Conoscenza Illusoria

Sai davvero quello che pensi di sapere?

Ammettiamolo, tendiamo spontaneamente a sopravalutarci. E non abbiamo tutti i torti nel farlo: siamo riusciti a dividere l’atomo, a decifrare il genoma, a tracciare l’evoluzione della vita e a capire la storia dell’umanità. Poi, però, quando conosciamo una nuova persona e ci presentiamo, dopo appena 2 secondi ci siamo già dimenticati il suo nome. Oppure ignoriamo completamente il funzionamento dello stesso dispositivo che ci sta permettendo di leggere questo articolo.

In realtà, individualmente immagazziniamo veramente poche informazioni dettagliate sul mondo, nonostante abbiamo la percezione di possedere una conoscenza che si estende dalla politica all’economia, dallo sport alla scienza, dalla tecnologia all’arte, quando invece  non sappiamo neanche come funziona il gabinetto di casa.

È inevitabile: non possiamo sapere tutto, e la maggior parte di noi nemmeno ci prova.

Ma non è un problema, anzi forse è il nostro punto di forza perché la nostra intelligenza non risiede nelle nostre singole teste ma nella ‘mente collettiva’. Il segreto per cui noi, intesi come specie umana, abbiamo potuto raggiungere traguardi così alti deriva dal fatto che la conoscenza è tutta intorno a noi, parcellizzata in tutte le persone e allo stesso tempo condivisa e collegata nella comunità. La chiave della nostra intelligenza risiede nelle persone e nelle cose che ci circondano ed è amalgamando le diverse e variegate conoscenze di coloro con cui ci relazioniamo che possiamo alzare l’asticella della nostra comprensione del mondo.

Se vogliamo, allora, emanciparci dall’illusione di sapere per diventare consapevoli delle cose che non conosciamo, è fondamentale sviluppare un ampia cerchia di amici e conoscenti, da cui non si può che imparare e scoprire come conseguenza della naturale diversità di interessi, e non rimanere chiusi nella propria torre d’avorio. E, unita ad una intrecciata rete sociale, è indispensabile anche un uso strategico della più ricca fonte di conoscenza oggi letteralmente a portata di mano: Internet, col quale possiamo rispondere a ogni tipo di domanda semplicemente digitando pochi caratteri sul cellulare. Se Internet è utilizzato razionalmente, abbiamo a nostra disposizione uno smisurato bacino di conoscenza da cui attingere per estinguere le nostre lacune e per approfondire vari argomenti. E quale modo migliore per affinare il proprio sapere e rifocillare la propria mente se non nella Pausa Cafè?

No Comments

Post A Comment